My Wordpress Blog

Expandmenu Shrunk


dreamstime_19492411.jpg

Trattamento ormonale sostitutivo (TOS) e tumore al seno

E’ ormai confermato e chiarito da numerosi studi che il TOS non determina un aumento generale del rischio di tumori nella donna (carcinoma della cervice e dell’ovaio), anzi molti dati evidenziano un’azione protettiva nei confronti del tumore del colon-retto.
In passato, l’uso di soli estrogeni aveva incrementato il rischio di tumore dell’endometrio. Attualmente, però, l’associazione con i progestinici protegge da tale rischio rendendolo simile a quello della popolazione generale.
Il carcinoma della mammella, invece, rimane l’argomento più controverso. Numerosi studi dimostrano che un TOS della durata inferiore a cinque anni non è associato a un incremento del rischio relativo di carcinoma della mammella, mentre dopo cinque anni il rischio relativo è di 8 casi su 10.000 donne, cioè 0,8 casi ogni 1000 donne trattate per almeno 5 anni.